MARMELLATE 2009

Ecco le marmellate di quest’anno. Le pesche le ho ricevute in regalo, le more ed i fichi sono di casa mia. In particolare i fichi sono favolosi, belli tondi, polposi e neri come non sono mai stati, gustosissimi e dolci dolci, l’unico inconveniente e che gli alberi sono sempre pieni di api e zanzare, e alla fine della raccolta ero un “colabrodo”. Per quest’estate con le marmellate ho finito, basta così,….. ci saranno le nocciole più avanti…..ma questa è un’altra frutta.

MARMELLATA DI PESCHE AL LIMONE
2 kg di pesche, 1 mela, 700 gr di zucchero, 2 limoni, sciroppo di zucchero. (Limoncello)

Pulire, sbucciare e tagliare a pezzi le pesche. Raccoglierle in una terrina cospargervi sopra 400 gr di zucchero e il succo di un limone, (il limoncello se piace) coprire tutto con della pellicola e lasciare macerare x una notte. Nel frattempo togliere la buccia gialla del secondo limone e farla bollire in uno sciroppo di zucchero per 20/30’ spegnere il fuoco e lasciare macerare nello sciroppo. Il giorno dopo mettere le pesche sul fuoco, aggiungere la mela a pezzi non sbucciata e far bollire per circa un’ora. Lasciare raffreddare poi passare la frutta al passaverdure. Rimettere sul fuoco, aggiungere lo sciroppo di zucchero con la buccia di limone tagliata a filetti, il rimanente zucchero e far raggiungere la giusta densità. Togliere dal fuoco ed invasare.

MARMELLATA SPEZIATA DI MORE
2 kg di more, 150 gr di vino rosso, 600 gr di zucchero, 1 stecca di cannella, alcune bacche di ginepro, un pezzetto di noce moscata, 2 grani di pepe.

Mettere in una casseruola le more con il vino rosso, metà dello zucchero e tutte le spezie racchiuse in una piccola garza o in una bustina per il tè. Far bollire la frutta finchè si spappola bene, mettere il coperchio e lasciare raffreddare. Quando è fredda, togliere le spezie, passare la frutta come d’abitudine e rimetterla sul fuoco con il rimanente zucchero, (se piace più speziata rimettevi il sacchettino), far bollire fino a giusta densità quindi invasare.

MARMELLATA DI FICHI ALLA VANIGLIA
3 kg di fichi maturi, 1 stecca di vaniglia, 550/600 gr di zucchero.

Pulire e spezzare i fichi, senza sbucciarli. Metterli in una casseruola assieme alla stecca di vaniglia e a metà zucchero e farli bollire per mezz’ora. Mettere il coperchio e lasciare raffreddare. Quando sono ben freddi la maggior parte dei “semini” si trova in superficie, è il momento giusto di toglierne una parte con l’aiuto di un cucchiaino. E’ certamente una caratteristica di questo frutto, ma ciò rende più gradevole la consistenza della marmellata. Togliere la stecca di vaniglia e passare la frutta al passaverdure. Rimettere sul fuoco, aggiungere il rimanente zucchero e portare alla giusta densità.  Invasare.

MARMELLATA DI FICHI  ALLA GRAPPA
3 kg di fichi, 600 gr di zucchero, 60 gr di buona grappa, vaniglia.

Mettere in una casseruola i fichi con la stecca di vaniglia (usare una piccola parte di vaniglia, io ho adoperato quella usata precedentemente. Essa deve solo aromatizzare leggermente la marmellata e non coprire il gusto di fichi e grappa) e 200 gr di zucchero. Far bollire tutto per mezz’ora. Togliere la vaniglia e dopo freddi passare i fichi al passaverdure. Rimettere sul fuoco, aggiungere i rimanenti 400 gr di fichi, la grappa e far bollire ancora. Quando lo zucchero sarà ben sciolto e la densità perfetta, spegnere il fuoco e invasare.
Versione Stampabile Versione Stampabile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *